Home / Moda & Accessori  / Orologi & Gioielli  / Orologi Gucci: una campagna tra stile e passione

Orologi Gucci: una campagna tra stile e passione

Negli scatti di Colin Dodgson e nella passione del direttore creativo della Maison Alessandro Michele tutta l’essenza della nuova collezione di orologi Gucci

C’è un sottile filo che unisce Alta Orologeria, classe ed eleganza ed è perfettamente incarnato dagli orologi Gucci. La Maison fiorentina trasferisce infatti i suoi codici estetici nel mondo dei segnatempo, dando vita a momenti in cui la vena inventiva dei creativi si mescola alla ricerca di materiali, preziosi e non, spesso abbinati in maniera sorprendente. Ne scaturisce una visione dell’orologeria nella quale gli orologi Gucci tutto sono fuorché scontati e banali; una visione che ha trasformato ogni presentazione a Baselworld (ma nel 2020 il marchio non sarà alla fiera) in un evento attesissimo.

Campagna artistica

La stessa cura del dettaglio e dello stile viene messa dalla Maison nelle campagne a supporto degli orologi Gucci. Non fa eccezione quella lanciata ad agosto 2019, per la quale il direttore creativo del brand, Alessandro Michele, ha preso spunto da una delle sue grandi passioni.

Chris Lee, famosa cantante e attrice, già testimonial del marchio, è la protagonista della nuova campagna orologi e gioielli della Maison, ispirata dalla passione di Michele per le biblioteche e per la letteratura.

Girata all’interno della Biblioteca Casanatense di Roma, che fu fondata e aperta al pubblico nel 1701 dai frati domenicani del Convento di Santa Maria sopra Minerva, la campagna ritrae Lee nella veste di una bibliofila che indossa gioielli e orologi Gucci.

Nelle immagini della nuova campagna, scattate dal fotografo Colin Dodgson sotto la direzione artistica di Christopher Simmonds, Lee sfoggia le nuove creazioni della Maison negli interni antichi e rivestiti di libri della Biblioteca Casanatense.

Le immagini la ritraggono circondata da tomi antichi e bellissimi, rilegati in pelle, pronti ad offrire all’avida lettrice nuove avventure per la sua immaginazione.

 

Gli orologi Gucci protagonisti

Per gli orologi Gucci, Lee presenta un modello Grip con cassa in PVD oro giallo incisa con il motivo GG, tre finestrelle (che indicano l’ora, i minuti e la data), e bracciale pure in PVD oro giallo.

In un’altra immagine Lee indossa un G-Timeless Automatic con cassa in acciaio, quadrante in onice nero decorato con api, e bracciale in acciaio.

Una terza immagine mostra infine al polso della cantante un G-Timeless con cassa in PVD oro giallo, quadrante realizzato nel classico nastro Web in nylon verde e rosso e ape ricamata in filo color oro, e cinturino in pelle di vitello bianca.

GUCCI_Chris Lee W&J Campaign _01_SP_72dpi
GUCCI_Chris Lee W&J Campaign _03_SP_72dpi

Gucci Grip, fascino genderless

Particolarmente intrigante è il Gucci Grip, definito dalla Maison un orologio “genderless”, sostanzialmente unisex, dunque.

Ma il nuovo Grip, presentato a Baselworld 2019 è un segnatempo difficilmente inseribile all’interno di uno schema predefinito.

Nello stand di Basilea ha interessato e stupito gli addetti ai lavori per la genialità della sua forma (a qualcuno ricorda una bilancia pesapersone) e per l’eleganza e la vestibilità al polso. Di sicuro è un orologio destinato a lasciare il segno, non solo nelle collezioni degli orologi Gucci.

La linea Grip comprende dunque una gamma di quattro orologi al quarzo, caratterizzati da una cassa quadrata con angoli arrotondati e con tre aperture. All’interno di esse, tre dischi rotanti bianchi indicano ore, minuti e data.

Il design accattivante e pulito, declinato con un tocco rétro, rende il Grip inatteso e, finalmente, fuori dagli schemi.

 

Spazio ai gioielli

Per quanto riguarda invece i gioielli Gucci della campagna, Lee indossa orecchini GG Running in oro giallo e un anello anch’esso in oro giallo con diamanti, e una collana Gucci Flora con bracciale coordinato e anelli in oro bianco con diamanti.

Una campagna d’autore, quindi. Scatti e immagini di classe per gli orologi Gucci che ne esaltano l’originalità e l’appeal attraverso la passione del grande direttore creativo della Maison. Ce n’è abbastanza per farne un cult.

Davide Passoni

[aps-counter]