Home / CHI SIAMO  / Chi Siamo

Chi Siamo

Il Consorzio Costa Smeralda

Il Consorzio Costa Smeralda è prossimo a festeggiare i 60 anni dalla sua costituzione.
L’importante anniversario ricadrà nel 2022, un anno importante perché poter spegnere 60 candeline all’insegna della bellezza e del prestigio internazionale, che ha consentito di far conoscere la Sardegna in tutti i Continenti, significa che gli illuminati fondatori ed i suoi eredi perseguono degli ideali e dei valori che rendono questo angolo di paradiso di incomparabile fascino una delle mete turistiche più ambite nel mondo.
L’intuizione di fondare un organismo a presidio della straordinaria meraviglia di un luogo che coniuga elementi di rara suggestione risale al 1962 quando un manipolo di sognatori, capeggiati dal Principe Karim Aga Khan, incantati dal fascino di una terra straordinaria e incontaminata, istituisce un’associazione senza scopo di lucro al fine di gestire, controllare e proteggere l’area della Gallura, denominata Costa Smeralda, a beneficio dei suoi consorziati.
Il suo ruolo si concretizza, fin da subito, nella tutela ambientale del territorio, nell’erogazione di forniture urbane, di servizi ambientali e di attività di sicurezza con uno standard qualitativo tale da valorizzare sia il patrimonio immobiliare che l’immagine della destinazione turistica.

Il Centro Medico, la Vigilanza su tutto il comprensorio della Costa Smeralda operativo per 365 giorni all’anno 24 ore al giorno, l’Anti-incendio, attrezzato con mezzi moderni, compreso un elicottero, la Protezione Ambiente per la pulizie delle strade e delle spiagge, il controllo delle fognature, dei depuratori e l’illuminazione pubblica sono alcuni dei tantissimi servizi essenziali assicurati dall’opera di una macchina organizzativa ben rodata ed efficiente, con un occhio sempre attento alle esigenze dei consorziati, che garantisce una qualità della vita che ha pochi eguali in agglomerati turistici di tale vastità.

Il Consorzio, pertanto, non è proprietario di case o di terreni, o non ne cura neanche la costruzione o la vendita.
Sono invece i vari membri del Consorzio che possono vendere la propria attività ricettiva o l’abitazione di famiglia direttamente o tramite qualificate agenzie immobiliari.

Chiunque può diventare membro del Consorzio.

Tale diritto si acquisisce nel momento in cui si acquista una casa o un terreno che fa parte del territorio che va da Pitrizza, a nord, passando per Cala di Volpe e terminando, a sud, prima di Portisco.
Il consorziato ha così diritto di voto, in base ai metri cubi della proprietà con un peso espresso in milionesimi, nell’Assemblea Generale e può usufruire di tutti i servizi offerti dal Consorzio.
In caso di vendita il titolo passa automaticamente al nuovo proprietario.
L’attività dell’associazione è disciplinata dallo Statuto del Consorzio, mentre gli aspetti legati alla manutenzione ed alla costruzione dei fabbricati sono normati dal Regolamento Edilizio la cui applicazione viene assicurata dal Comitato di Architettura, che esamina ogni nuovo progetto e tutte le eventuali richieste di varianti e trasformazioni, per controllarne la rispondenza alle leggi urbanistiche e al rispetto dell’estetica e dell’ambiente naturale.

Tra i grandi consorziati, che danno lustro alla Sardegna in tutto il pianeta, si possono annoverare gli hotel di lusso a cinque stelle – Romazzino, Cala Di Volpe, Pitrizza e Cervo, quest’ultimo aperto tutto l’anno – meta di personalità internazionali, teste coronate e grandi personaggi della cultura, dello spettacolo, dello sport e dell’economia, del Pevero Golf Club, uno dei “green” più importanti d’Europa, lo Yacht Club, sodalizio sportivo che organizza le regate più prestigiose del settore, il Colonna Resort, nella magnifica location di Cala Granu e altre strutture ricettive entrate nella storia tra cui l’Hotel Luci di La Muntagna con la caratteristica architettura che contraddistingue le prime edificazioni di Porto Cervo.
Recentemente, intorno agli anni 2000, il cuore del borgo smeraldino si è ulteriormente arricchito con degli eleganti complessi architettonici a forte vocazione commerciale come la Promenade du Port e la Piazza del Principe.
E che dire delle ville da sogno che, tra Pitrizza, Cala di Volpe e Romazzino, costituiscono un unicum che rendono la Costa Smeralda un mito per i grandi miliardari del pianeta.
Ma l’amore, il rispetto e l’orgoglio di ogni singolo consorziato rappresentano l’anima di una realtà unica che promuove l’immagine della Sardegna come paradiso delle vacanze per milioni di persone di ogni nazionalità, di ogni credo e di ogni cultura.

                       Costa Smeralda i nostri confini
confini_territoriali

[aps-counter]